lunedì 12 giugno 2017

Profumo di Grecia



In Grecia ho trovato un clima decisamente migliore rispetto al nostro, ci sono 27° e un po' di vento.
Arrivati al cantiere abbiamo aperto la barca e fatto tutti i lavori di servizio in attesa del varo previsto per giovedì 15.
Quest'anno abbiamo un nuovo membro a bordo: la lavatrice! A riposo viene stivata nella sala motore e in azione viene messa in pozzetto. Pesa circa 15 kg ed ha un carico di lavaggio di  kg 3,5. L'abbiamo provata quasi subito, con grande interesse di tutti e siamo molto soddisfatti. Comporta un notevole risparmio economico, è sempre disponibile al bisogno e non ci costringe a cercare lavanderie sparse nelle isole.

15.06 varo
Il varo è andato bene e senza intoppi, io e i bambini siamo andati in auto a Preveza città e abbiamo aspettato Davide che da solo l'ha ormeggiata all'inglese al marina. Finalmente la barca è in acqua! Ci possiamo riappropriare dei bagni!
Un paio di sere abbiamo portato i bambini alle giostre allestite in pianta stabile vicino al marina. Erano al settimo cielo! C'era poca gente, ma non ha importanza.
Tutto il complesso immagino fosse gestito da un'unica famiglia, perchè erano solo  4-5 persone che si occupavano di tutto.
Le giostre sembrano un po' datate, riportano diverse scritte in italiano e altre in altre lingue dell'est e sono circondate da una staccionata in stile americano. I biglietti non sono molto economici, ma si sa.....per i figli questo ed altro.

Giulia si è presa una bella infezione alle tonsille, l'unica cosa positiva è che non ha bisogno dell'antibiotico, sono sufficienti tachipirina e spray antiffiammatorio. Lorenzo ha un bel tossone e inizia a vacillare...stiamo a vedere. Abbiamo fatto cambusa e domani molliamo gli ormeggi.

domenica 11 giugno 2017

Si parteeee!!!!


Il traghetto parte ad Ancona alle 16:30, quindi abbiamo potuto far tappa al ristorante Il Pergolato della zia Maria per mangiare le ottime tagliatelle al sugo di fagioli.
Come ad aprile, anche stavolta siamo carichi come muli!L'importante è che il baule si sia chiuso.

La Superfast parte con 1 ora di ritardo, c'è un caldo pazzesco sul piazzale, il termomentro indica 40°. Ci imbarchiamo e per prima cosa provvediamo a tamponare l'aria condizionata a manetta della cabina, poi proseguiamo col giro di perlustrazione: purtroppo non c'è l'angolo delle palline come nella Anek, ma i bambini hanno trovato ugualmente il modo di divertirsi. 
Cena al self-service e poi abbiamo goduto il tramonto seduti sul ponte.
La giornata è stata lunga e intensa, a mezzanotte spegnamo le luci e andiamo a nanna.

venerdì 28 aprile 2017

E' arrivato il momento di tornare

Sabato 28 aprile: siamo arrivati alla fine della vacanza/ lavoro (purtroppo) e non abbiamo affatto voglia di tornare! 
Stamattina Davide e i bambini hanno ripassato lo squalo, io ho fatto le valigie e pulito la barca da cima a fondo. Nel pomeriggio Davide ha "sigillato" la coperta, poi un grande saluto a tutti, con l'augurio di vederci questa estate per mare. 

Alle 23:00 ci siamo imbarcati.

Ci rivediamo a giugno Hellas!

martedì 25 aprile 2017

25-27 aprile...siamo agli sgoccioli

In questi giorni abbiamo un po' accellerato con i lavori: abbiamo pulito la catena da un po' di ruggine, l'abbiamo oliata e messa per bene nel gavone; abbiamo grattato lo scafo della barca e dato le 2 mani di antivegetativa; Davide ha pulito e dipinto il fondo di 2 gavoni, 1 anteriore e 1 posteriore.



Il 25 è stata varata AKA, la barca di Giancarlo, e noi abbiamo partecipato all'evento! 

Ognuno era impegnato a modo proprio!


Ma il miglior lavoro è stato dipingere lo squalo sulla pinna!!!! Il papà è stato l'ideatore e con l'aiuto dei bambini il risultato è stato bellissimo!

Non è uno spettacolo?


Si è creato un bel gruppo e il pomeriggio è sempre l'occasione giusta per un aperitivo e la sera per una bella cena da Panos, una taverna in prossimità del cantiere. Si mangia bene, ma soprattutto l'ambiente è molto cordiale e gioviale.

Panos e Lorenzo


domenica 23 aprile 2017

Visita alle Meteore

Gita alle Meteore con Giancarlo e Luisa, Andrea Isabella e la piccola Clara.
La meta è distante un paio di ore, ma ne è valsa la pena visitare questi monasteri arroccati su alture un tempo inaccessibili e oggi visitabili tramite ponti. 
Ne abbiamo visitati 2, il più grande e quello a fianco. Peccato non avere una guida che spiegasse la storia, l'evoluzione e la vita attuale che si svolge in queste costruzioni splendide e in ottimo stato.
Sulla strada del ritorno pranzetto all'aperto a base di souvlaki, salsiccie, uova e birra locali, come ha tenuto a precisare il propietario. I bambini si sono divertiti al parchetto alle spalle dei tavoli.
Abbiamo trascorso una bella giornata.


Archivio anagrafico!!!
La fame inizia a farsi sentire!
Anche la stanchezza è arrivata

sabato 22 aprile 2017

Vonitsa

Oggi siamo andati a Vonitsa per fare rifornimento di acqua. Abbiamo anche preso dei dolcetti per Luisa e Gianca, che sono sempre molto gentili; abbiamo comprato del buon macinato per fare il ragù ai bambini e abbiamo trovato il prato che cercavamo per stendere la vela e avvolgerla. 

Io e i bambini abbiamo visitato l'isolotto adiacente il parco su cui si erge una chiesetta e una micro pineta. E' un posto magico, bellissimo, da un lato i colori della pineta e il cinguettio degli uccellini, dall'altro l'azzurro del mare. Me ne sono innamorata.

giovedì 20 aprile 2017

Stanotte la stufetta si è rotta e Davide stamattina ha fatto partire il riscaldamento della barca: un portento!
Anche oggi c'è freddo e vento! Verso le 11 si è aperto il cielo, quindi ne ho approfittato per fare il bucato. I grandi hanno fatto un paio di lavoretti, Giulia i compiti (siamo a buon punto), doccia e cena con Giancarlo e Luisa a Preveza al "Gambero pazzo". 

Nei pressi del tunnel sotterraneo, stasera, abbiamo trovato tanta polizia, credo cercassero qualcuno in particolare, perchè ci hanno fatto rallentare all'andata, ma dopo averci visto in faccia ci hanno fatto andare; al ritorno invece ci hanno fatto accostare chiedendoci da dove venissimo e controllando i bambini sui sedili posteriori con la torcia! 

21 aprile – venerdì 
Oggi il risveglio è stato particolarmente lento e lungo :-) Come sempre abbiamo proseguito con i lavoretti, i compiti, poi Giancarlo e Luisa sono passati a salutare.

Stasera abbiamo voluto provare la carne di pecora in una taverna di Monastiraki, un paesello ai piedi della montagna visitata 3 giorni fa, in compagnia di Giancarlo, Luisa, Dioniso e una coppia che non conosco (coppia sui generis diciamo...).
La taverna è un pezzo di storia, autentica e frequentata solo da locali. All'ingresso degno di nota sono la postazione della griglia a brace e il tavolino in legno vissuto dove viene tagliata la carne prima di essere servita, entrambe custoditi dal cuoco con la sigaretta in bocca.
Purtroppo oggi la pecora non era disponibile, quindi abbiamo pasteggiato con abbondante capretto, pollo e kokoretsi (spiedo di interiora di agnello), feta bagnata nell'olio, insalata, le immancabili patatine (sempre home made) e tanto vino bianco e rosso. Il cibo è ottimo, siamo tutti allegri!
E' stata una bella serata, conoscere persone del posto ti permette di accedere alla vera vita locale.

I ferri del mestiere

Fuori c'è freddino!

L'Hoste della trattoria!!